PER UN ASSEDIO DI MASSA E ININTERROTTO DEL PARLAMENTO

Pubblicato il da giornaleproletariogarfagnino

14-dicembre.jpg

 

 

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

 

 

 

PER UN ASSEDIO DI MASSA E ININTERROTTO DEL PARLAMENTO

 

Nota PCL

(5 Settembre 2011)

 

 

L'abolizione di fatto, per legge, del contratto nazionale e dello Statuto dei lavoratori- col sostegno di Confindustria, CISL,UIL- è una provocazione intollerabile. Che ha purtroppo utilizzato il varco aperto dal grave accordo Marcegaglia-Camusso del 28 giugno.

 

Lo sciopero generale di domani deve trasformarsi nell'inizio di un aperta rivolta sociale, tanto radicale quanto radicale è l'attacco portato al lavoro.

 

Tutte le sinistre sindacali, politiche, associative, di movimento, possono dar vita, unitariamente, ad un assedio di massa ininterrotto dei palazzi del Governo e del Parlamento- cominciando domani dal Senato- sino al ritiro dell'articolo 8 e dell'intera manovra. Porteremo questa proposta nelle manifestazioni dello sciopero generale, nel presidio della Fiom a Piazza Navona, nell'iniziativa nazionale convocata dal Popolo Viola a Roma il 10 Settembre.

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

 

Commenta il post