Sveglia Garfagnana!

Pubblicato il da giornaleproletariogarfagnino

                                          101 quinto potere

 

Utilizzando la vergognosa sudditanza della CGIL verso industria e banche, il governo trova la forza di una dichiarazione di guerra alla maggioranza della società italiana. Venti miliardi di tagli sociali, liberalizzazione dei licenziamenti, privatizzazione  di beni e servizi, revisione liberista della Costituzione, significano esattamente questo. Il fatto che ciò avvenga per mano di un governo del malaffare, per di più sconfessato dal voto popolare, misura l'enormità della provocazione ; ma anche la connivenza “tricolore” delle “opposizioni” parlamentari: che per conto dei banchieri italiani ed europei avevano richiesto pubblicamente, non a caso, una manovra “più rigorosa”.
 
Questa valanga non può essere arrestata con mezzi ordinari, ma solo da una straordinaria mobilitazione di massa che blocchi l'Italia sino al ritiro della manovra. Tutte le sinistre politiche, sindacali, di movimento hanno il dovere di realizzare il più ampio fronte unico di lotta contro il governo e l'intero fronte confindustriale, puntando apertamente alla sollevazione popolare: l'unico evento che possa cambiare alla radice l'agenda politica italiana. Fuori da questo scenario, il movimento proletario rischia un'autentica regressione storica della propria condizione.

Pertanto invitiamo tutto il mondo proletario garfagnino ad organizzarsi in assemblee operaie per prendere finalmente coscienza dell'attuale stato reazionario che sta avvolgendo la nostra terra. "O con i banchieri e il malaffare, o con il proletariato vera forza popolare!" 


Commenta il post