La storia infinita dei Lavoratori SE.VER.A.

Pubblicato il da giornaleproletariogarfagnino

Castelnuovo

 

 

Due giorni fa, dall'assemblea dei soci dell'azienda SE.VER.A. è arrivata la comunicazione di pagamento degli stipendi relativi al mese di Giugno.

Tale notizia, celebrata e messa in risalto sulle testate giornalistiche locali con l'intento di voler sottolineare questa "grande conquista" frutto della benevolenza e dell'impegno dei dirigenti dell'azienda; se nonché siamo nel mese di Agosto, e ad Agosto si dovrebbe retribuire la busta paga di Luglio.

Cosa cambia?

Assolutamente niente, in quanto retribuendo ai Lavoratori il mese di Giugno, tra l'altro con l'intenzione di versare i pagamenti soltanto alcuni giorni dopo Ferragosto, ne rimarrebbe ancora uno scoperto, il quale dopo altri dieci giorni si trasformerebbe magicamente in ulteriri due mesi da percepire.

A questo punto ci chiediamo: Come possono "sopravvivere" questi Lavoratori tenuti costantemente sotto ricatto bancario, non potendo pagare i mutui che hanno con le banche?

Come possono affrontare economicamente l'intero mese non potendo adempire ai pagamenti della rete elettrica, idrica e telefonica?

E in un costante stato di umiliazione, come possono provvedere al sostentamento delle proprie famiglie?

Visto che SE.VER.A. è partecipata per il novanta per cento dai comuni Garfagnini, e i Lavoratori all'interno di essa sono contribuenti di questi, come possono le giunte comunali non concertarsi in un'azione collettiva per la salvaguardia del diritto al lavoro dei propri cittadini?

Come possono i comuni di Gallicano e Castelnuovo Garfagnana rimanere nel silenzio più totale quando devono ancora pagare il loro corrispettivo che si aggira attorno ai 3 milioni di Euro?

E dove sono finite le istituzioni?

Nello scorso Febbraio un articolo pubblicato sul Corriere di Lucca per mano del Partito Comunista dei Lavoratori Garfagnana, riguardante la situazione disastrosa che sta investendo SE.VER.A., dichiarava questo:

"L'amministrazione provinciale dov'è finita? Cosa aspetta ad intervenire in maniera concreta? Sicuramente tra qualche settimana, in piena campagna elettorale, vorrà prendere la situazione in pugno. Ma non sarà troppo tardi?

Il PCL profeta?

Ed ancora: "E che dire della Regione Toscana? [...] Cosa si aspetta a far decollare la raccolta differenziata in tutta la valle? Che sia più conveniente non farla decollare?

La Regione vuole a tutti i costi indirizzare la gestione dell'azienda verso un'unica multinazionale; mossa esplicitamente capitalistica la quale permetterà di facilitarne la mercificazione dello smaltimento dei rifiuti".

Che il Partito Comunista dei Lavoratori "azzecchi" anche questo pronostico?

Ci sentiamo di avvallare la proposta fatta in Febbraio appunto dal PCL Garfagnana, invitando tutti i comuni partecipi all'azienda nell'abbandonare immediatamente spese non indispensabili, ed inoltriamo la richiesta agli amministratori comunali, da parte di chi ha già un'occupazione, nel devolvere il proprio compenso amministrativo a favore del diritto al lavoro dei propri cittadini.

Ci auguriamo e speriamo che ai Lavoratori SE.VER.A. venga finalmente restituita la propria dignità e la regolare retribuzione. 

Commenta il post